IL COMUNE DI FAEDIS

Il Comune di Faedis
Il territorio del comune di Faedis si sviluppa a ridosso dei colli orinetali del Friuli ed è attraversato per tutta la sua estensione dal torrente Grivo'.
A nord si erge il M.te Joanaz che domina tutta la vallata e rappresenta assieme alle malghe di Porzus, alle frazioni di Clap e Canebola luogo di passata resistenza partigiana e limite morfologico di una terra di confine. Numerose frazioni e borghi rurali sono nati e sviluppati sulle pendici di questi monti. Tali agglomerati sono collegati tra loro da strade e sentieri.
Cartina del Comune di Faedis

 

DATI:

Superficie
: 46,61 Kmq.
(20% pianura, 35% collina, 45% montagna)

Abitanti: 2945 (1455 M - 1490 F / 1297 fam.) gen. 2017

Confini: a N con la Slovenia e con i comuni di Taipana e Pulfero, a E con il comune di Torreano, a S con il comune di Remanzacco, a O con il comune di Povoletto e a NO con il comune di Attimis

Torrenti: Grivò di Faedis (1), Grivò di Raschiacco (2), Malina (3)

h max s.l.m.: 1102 metri
h min s.l.m.: 117 metri


Faedis

FAEDIS,

popolazione: 1481
altezza: 170 mt s.l.m.

Faedis è il capoluogo del comune. Sorge allo sbocco della valle del Grivò, in un luogo circondato da colline e da verde. Citato per la prima volta nel 1027, è un paese ricco di storia ed è appartenuto ai Cucagna fino al XVIII secolo. Faedis è formato da diversi borghi, posti ai due lati del torrente Grivò, che espandendosi hanno originato il paese.


Campeglio

CAMPEGLIO

popolazione: 771
altezza: 135 mt s.l.m.

Campeglio è la frazione più grande del comune di Faedis. La località è antica, come dimostrano i resti del castello di Soffumbergo, soggiorno estivo dei patriarchi di Aquileia. Particolarmente suggestivo è il mosaico di San Michele, presente nella chiesa parrocchiale ricostruita dopo il sisma del 1976. Il paese si estende principalmente lungo la strada che porta a Cividale.


Raschiacco

RASCHIACCO

popolazione: 214
altezza: 179 mt s.l.m.

Raschiacco viene menzionato per la prima volta nel 1321. Il paese si è sviluppato intorno alla chiesetta di San Martino che molti storici attribuiscono al 1200. Raschiacco è collocato a ridosso delle colline in mezzo a numerosi vigneti dai quali si ottengono vini di ottima qualità.


Ronchis

RONCHIS

popolazione: 159
altezza: 129 mt s.l.m.

Il ruolo di Ronchis nella storia del comune di Faedis è molto importante. Infatti dal XV sec. le sue ville, Freschi e Partistagno, diventeranno le abitazioni delle due omonime famiglie del casato dei Cucagna. La frazione è collocata sulla strada che porta a Udine e si sviluppa principalmente intorno alla piccola piazza.


Canal di Grivò

CANAL DI GRIVÒ

popolazione: 103
altezza: 228 mt s.l.m.

Notizie certe sull'esistenza di Canal di Grivò si hanno solo durante il dominio dei Cucagna, ma studiando l'etimologia della parola, di chiara origine celtica, si può supporre che il paese abbia origini più antiche. Canal di Grivò sorge sulle rive del torrente omonimo nel punto in cui più si restringe la gola dei monti.


Canebola

CANEBOLA

popolazione: 110
altezza: 669 mt s.l.m.

Canebola ha origine probabilmente nel periodo delle migrazioni slave (VI-IX sec.), che portarono tali popolazioni ad insediarsi sui monti e sulle alture delle valli del Natisone e del Torre. Nel 1930 era ancora sprovvista di strade e a causa di questo è rimasta un po' isolata dal resto del comune. Grazie all'opera di ricostruzione post-terremoto, Canebola è ora un ridente paesino di montagna.


Valle di Soffumbergo

VALLE di Soffumbergo

popolazione: 13
altezza: 678 mt s.l.m.

Valle, detta anche "Balcone sul Friuli", come tutti i paesi della zona ha origini antiche. Durante i secoli passati è sempre appartenuta al feudo dei Soffumbergo di proprietà della Chiesa di Aquileia. Il paese si estende attorno alla chiesa di San Pietro costruita nel XVIII sec. Valle è composta per la maggior parte da edifici rustici ristrutturati, utilizzati per lo più come case di villeggiatura. (Per informazioni sulle attività a Valle: www.prolocovalledisoffumbergo.it)


Stremiz

STREMIZ

popolazione: 29
altezza: 315 mt s.l.m.

Stremiz viene citato per la prima volta nel 1294. Il suo territorio è assoggettato alla giurisdizione dei Cucagna a partire dal XIII sec.. Il paese è formato da pochi edifici costruiti lungo le strade e attorno alla piazzetta, nella quale spicca una bella fontana del XIX sec.. In passato erano presenti quattro mulini. Oggi ne rimangono tre, vicini a due dei quali, nei pressi delle sorgenti del Grivò, c'è un ponte ad arco in pietra di origine romana.


Costapiana

COSTAPIANA e GRADISCHIUTTA

popolazione: 22
altezza: 389 mt s.l.m.

Costapiana è un piccolo borgo che si trova sulla strada per Canebola. E' un abitato antico anche se è difficile stabilire precisamente le sue origini. Poco distante si trova il borgo di Gradischiutta, a 364 mt s.l.m., il cui nome significa "luogo fortificato" o "rovine di castello". Probabilmente sorge sulle rovine di un antico fortilizio.


Colloredo di Soffumbergo

COLLOREDO di Soffumbergo

popolazione: 21
altezza: 273 mt s.l.m.

Colloredo viene menzionato per la prima volta nel 1501 come Villa Coloreti Soffumbergi. Il suo nome deriva dal latino e significherebbe "boschetto di noccioli". Colloredo come i paesi vicini, lega la sua storia al castello di Soffumbergo. Oggi è un piccolo paese conosciuto soprattutto per la produzione vinicola.


Costalunga

COSTALUNGA

popolazione: 6
altezza: 593 mt s.l.m.

Costalunga fu citata per la prima volta nel 1353, ma si pensa che le sue origini siano più antiche, simili a quelle di Canebola. Inizialmente fu assoggettata alla giurisdizione dei Cucagna, ma poi passò sotto i Soffumbergo. E' situata sull'altura tra le valli del Grivò, di Faedis e Raschiacco. In questi ultimi anni il paese è stato restaurato completamente, divenendo un prezioso borgo rurale.


Pedrosa

PEDROSA

popolazione: 1
altezza: 754 mt s.l.m.

Pedrosa viene citata per la prima volta intorno alla metà del XIV sec. Questa frazione viene accomunata a Costalunga in relazione ad alcuni fatti storici riguardanti il casato dei Cucagna.


Clap

CLAP

popolazione: 4
altezza: 684 mt s.l.m.

Clap, come Canebola, ha origine probabilmente durante il periodo delle migrazioni slave. Il paese ormai è disabitato, anche se alcune delle sue case sono state restaurate dopo il terremoto del '76 e utilizzate come dimora estiva. Questo è infatti un luogo ideale per rilassarsi a contatto con la natura.


Le principali borgate sono: Casali De Luca e Case Cos (tra Ronchis e Faedis), Borgo Scubla e Canal del Ferro di sotto e di sopra (tra Faedis e Canal di Grivo'),
Canale (vicino a Campeglio), Case Prà della Roggia e Case Presa (a sud di Campeglio)